Festival 2015/MOSTRA-IRREGULAR TALENTS


mostra01
mostra02
mostra03
mostra04

 

Scarica l'invito alla Mostra in PDF

La mostra d’arte ideata, organizzata e promossa dalla Cooperativa Sociale Nazareno di Carpi, si inserisce all’interno di un progetto europeo più amplio, co-finanziato dal Culture Programme dell’Unione Europea (EACEA Programma cultura 2007-2013).

L’omonimo progetto Irregular Talents (www.irregulartalents.eu) prevede che la Cooperativa Nazareno sia il coordinatore di un consorzio di 4 partner europei: ICIMSS, un’organizzazione culturale di Torun (Polonia), l’università WSG di Bydgoszcz (Polonia), l’associazione socio-culturale VIK di Linz (Austria). Il progetto, che è iniziato a ottobre 2013 e che si concluderà a ottobre 2015, intende porre l’accento sulla qualità artistica delle opere d’arte per il loro valore in quanto tali, piuttosto che sulla biografia degli autori. In concreto si prevede che in ognuno di questi paesi venga fatto un lavoro di studio e ricerca su alcuni artisti irregolari selezionati. Questo lavoro di ricerca scientifico, operato da esperti del settore artistico, confluirà nella pubblicazione di monografie su ciascun artista e nella realizzazione di una mostra itinerante che inaugurerà a Bologna a maggio 2015, si trasferirà a luglio a Linz (Austria) e si concluderà a settembre a Torun (Polonia). Si tratta di una ricerca interessante in quanto si confronterà il modo di intendere l’arte in paesi molto diversi tra loro, con esperienze artistiche, ideologiche, storiche e culturali molto differenti. La location bolognese della mostra sarà la Pinacoteca Nazionale di Bologna.
Il curatore della mostra sarà il Prof. Luca Farulli, docente di Estetica presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia:

«Non esiste rapporto casuale tra la parola e la cosa, la lingua non si produce mai in puri segni. Ciò vale in modo determinante nel caso della denominazione “Irregular Talents”; da essa emerge chiara una scelta, una linea progettuale mirante a porre al centro del discorso la questione artistica. Dire “Irregular Talents” equivale, quindi, a dire che, qui, ne va dell’arte e di nient’altro. Questo il progetto 2015, che rende manifesto un processo di progressiva consapevolezza, maturatosi nel corso degli anni. La denominazione “Irregular Talents” dice ciò, proprio nella paradossalità che lo caratterizza: il talento è, di per sé, irregolare. Grazia naturale, eccellenza dell’intelletto, guizzo della mente, il talento dà la regola a se stesso, profuma della felicità che si costituisce, irresistibilmente, come modello, come esempio che, nella libertà, chiede di esser seguito. Talento ha, inoltre, a che vedere con il sentire, con il sentire la forza che mi costituisce, l’unità nella felicità, che mi costituisce come soggetto, donando il coraggio per dire, creare, esprimere. Su questo paradigma moderno si è venuta sviluppando l’arte, la quale è, appunto, capacità di dare forma al materiale vivo e incandescente del sentire: dell’immaginazione, del desiderio. Ecco la costellazione cui rimanda “Irregular Talents”: dono, coraggio, sentire, felicità, forze, queste, che si qualificano, però, in modo determinato in direzione dell’arte; ambito definibile, sempre, come esattezza contrapposta alla casualità, come fatica della forma e del colore per realizzare l’apparire di un fenomeno esterno o di un moto interno, il quale è, comunque, sempre debitore di un suggerimento proveniente dal mondo della vita.

Così, l’irregolarità del titolo si spiega non a partire dai soggetti, dagli artisti, bensì dalla centralità della fatica dell’arte, della sua serietà: valutarla, sostenerla, promuoverla è il senso ultimo, la finalità di questo progetto, aperto oltre ogni barriera, ogni gergalità, in direzione dell’ampio e libero campo dell’arte senza bisogno di specificazione. Cos’altro è, questo, se non un ricercare il punto di comunità, il punto dell’unione che l’ambito artistico, appunto, propone, offre alla discussione, richiede da ciascuno, senza volerlo e poterlo esigere.

Intorno a questa strategia si sviluppa il progetto culturale ed espositivo “Irregular Talents”, che promuove un confronto europeo sull’arte, cui partecipano Austria, Italia, Polonia, come differenti gradazioni del sentire. Ciò darà luogo a mostre itineranti, in cui i vari talenti si daranno a vedere attraverso le loro opere: lavori, che saranno analizzati in contesto, rispetto alle questioni estetiche, artistiche, di genere. Le varie esposizioni saranno, infatti, corredate ed arricchite da studi monografici dedicati al lavoro dei singoli artisti, così da dar ragione della loro specifica volontà d’arte, della validità della loro fatica della forma».

L’evento espositivo è stato inserito all’interno del Bando regionale Expo 2015 che intende porre l’accento sugli aspetti culturali del tema Expo relativi a “nutrire il pianeta”. Si sta valutando il coinvolgimento di artisti che valorizzino il concetto di “nutrimento culturale”.

 


 




Direzione Artistica: Emanuela Ciroldi (e This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Comunicazione: Chiara Bellardi ( This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Organizzazione: Elisabetta Bernardi ( This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Per informazioni o invio di materiale:
Tel: 0039 059664774 - Fax: 0039 059664772 - E-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it